Strage migranti. Amal Thisserra: Basta con l’ipocrisia da parte delle istituzioni”

amal

«Mi corre l’obbligo di specificare, dissipando ipocrisie e ignoranza,che le vittime copiose del mare non sono migranti ma profughi e perseguitati di guerra». È quanto dichiara Amal Thisserra,consigliere comunale della città di Catania e rappresentante della comunità dei migranti, dopo l’ennesima sciagura avvenuta nel Mar Mediterraneo. «Non vanno generalizzate le situazioni ma bisogna riconoscere che c’è una guerra in atto e che pertanto le misure e le dinamiche politiche-sociali vanno concordate su scenari mondiali.Fino a quando resteremo a guardare con indifferenza e noncuranza questo genocidio che trova la sua tomba in mezzo al mare? Chiedo con fermezza che venga riconosciuto lo stato di guerra da parte dell’Europa tutta e che venga attivato immediatamente un corridoio umanitario volto alla sussistenza e salvaguardia delle vittime di guerra». Il consigliere Thisserra lancia anche un appello alle istituzioni: «Bisogna uscire dall’apatia e dall’indifferenza. Il Governo e l’Unione Europea non possono comportarsi con ipocrisia. È necessario scrivere, una volta per tutte, la parola “basta” su questo assurdo morire». Dopo l’ecatombe più grave finora registrata, Thisserra esprime il suo cordoglio alle vittime. «Non mi sono rimaste più lacrime. Le ho finite tutte. Una per ogni fratello che ho perso in mare, una per ogni bambino che non vedrà sorgere l’alba di un futuro negato. Mi chiedo per colpa di chi ».

 

21 Aprile 2015