San Giovanni Galermo. Preoccupazione per parcheggio

parcheggio-san-giovanni-galermo

“Di allarmi  sulle pessime condizioni del parcheggio scambiatore di San Giovanni Galermo ne sono stati lanciati molti in passato. Ma stavolta i segnali sono veramente preoccupanti. La struttura, a pochi passi da Largo Abbeveratoio, rischia di non poter più essere recuperata”.  Lo dichiara Giuseppe Zingale vice presidente della municipalità di “Cibali-Trappeto Nord-San Giovanni Galermo”

Zingale chiede all’amministrazione di cominciare una progettazione a breve ,medio e lungo periodo che porti il parcheggio ad essere completamente ristrutturato e consegnato alla cittadinanza. Un impianto inaugurato nel 2007, dall’allora sindaco di Catania Umberto Scapagnini, con lo scopo di snellire il traffico. Secondo i progetti iniziali i pendolari, provenienti dai paesi dell’hinterland etneo, avrebbero parcheggiato qui la propria vettura e, successivamente, raggiunto il centro di Catania utilizzando i mezzi pubblici. Ancora oggi San Giovanni Galermo aspetta che il parcheggio sia aperto ufficialmente visto che mancano ancora i necessari collaudi che assicurino la completa fruibilità della zona. Nel frattempo, all’interno del “Misericordia”, ha regnare è la sporcizia, il vandalismo e l’abbandono.  Iniziative che avevano portato ad abbellire l’area con murales appositamente creati da artisti di strada. Oggi queste prospettive non sono cambiate e restano le esigenze di un territorio che, tra mancanza di servizi e grosse carenze, l’amministrazione deve tenere in grande considerazione. Con centinaia di stalli al suo interno, il parcheggio rappresenta anche un’area di raccolta per la gente in caso di terremoto. Un ulteriore elemento che sottolinea l’importanza del “Misericordia” nell’ambito di una viabilità più sicura tra via San Giovanni Battista, Largo Abbeveratoio e l’uscita della tangenziale Nord-Ovest.

30 gennai o 2015