Salvo il Tar di Catania

tar

tar

Grande soddisfazione è stata espressa dal primo cittadino catanese per l’approvazione da parte della Commissione affari costituzionali della Camera con la quale vengono salvati i Tar che si trovano nelle sedi di Corte d’appello, compresa dunque Catania.

“Già il 23 giugno scorso avevamo chiamato a raccolta nel Palazzo degli elefanti la deputazione e le forze sociali ed economiche dell’intera Sicilia orientale. Tutti avevano sottoscritto un documento inviato a Napolitano, a Renzi, ai ministri competenti e ai gruppi parlamentari e in cui si spiegava come la soppressione del Tar non rispondesse ad alcun requisito di risparmio ed economicità. E’ stata una battaglia vinta con il concorso di tutti, dai parlamentari di ogni forza politica al mondo produttivo della Sicilia orientale, che in queste settimane hanno fatto fronte comune”, afferma il Sindaco. 

Il Tar di Catania, dal punto di vista deicarichi di lavoro, è il terzo d’Italia, dopo quelli di Roma e di Napoli, e il secondo per carichi pendenti dopo quello di Roma. Serve inoltre cinque province siciliane su nove, più di metà della Sicilia, in un territorio dove ricadono tre Corti d’Appello

Redazione