SALDI:  I CONSIGLI DI TANASI CONTRO LE FREGATURE

003_shopping_girl_fashion_woman_vector_illustrationCOVER

Domani 4 luglio avranno inizio i saldi estivi 2015, tanto attesi dai commercianti per recuperare il calo delle vendite. 
Il Segretario Nazionale Codacons Francesco Tanasi, consiglia ai consumatori di: conservare sempre lo scontrino questo perchè il negoziante ha l’obbligo di  sostituire l’articolo difettoso, qualora non fosse possibile si ha il diritto non ad un buono ma bensì alla restituzione dei soldi, il tempo a disposizione per denunciare il difetto, non è di 7 o 8 giorni ma bensì due mesi.
Ci suggerisce di fare un giro nei giorni che precedono i saldi appuntando i prezzi di quello che ci interessa al fine di verificare l’effettività dello sconto praticato, ci consiglia di assicurarci che la merce posta in vendita, sotto la voce “Saldo” sia l’effettivo avanzo di quella della stagione che sta finendo e non fondi di magazzino, ci invita a diffidare degli sconti superiori al 50%, perchè spesso nascondono merce non nuova o prezzi gonfiati.
Infine ci consiglia di servirci nei negozi di fiducia, di accertarci che il prodotto di nostro interesse esponga nel proprio cartellino il vecchio prezzo e la percentuale di sconto applicato; se i negozi espongono in vetrina l’adesivo della carta di credito o del bancomat, il commerciante ha l’obbligo di accettare queste forme di pagamento anche per i saldi e senza oneri aggiuntivi.
Chi pensa di aver subito delle fregature può rivolgersi al Codacons, o contattare i vigili urbani.
03.07.2015