Sabato la “Festa della vita” per Laura Salafia

laura salafia.

laura salafia.

Sono passati quattro anni da quando Laura Salafia (in foto) fu colpita nel corso di una sparatoria nei pressi di Piazza Dante, dove frequentava l’Università. E la festa della vita, giunta alla XXII edizione si svolgerà quest’anno nei locali del Bancher, a partire dalle ore 21, e sarà dedicata proprio alla giovane studentessa, che dal quel tragico giorno è costretta sulla sedia a rotelle. I biglietti possono essere acquistati all’Hotel Nettuno di Catania e all’ingresso del Banacher, la sera stessa dell’evento, a partire dalle 21, al costo di 10 euro. L’incasso sarà devoluto alla famiglia Salafia. 

La festa della vita”,  istituita ventidue anni fa da Giovanni Zappulla, socio fondatore del Club Lions  Acitrezza Verga, e promossa insieme ai club Rotary, Kiwanis, Lions, quest’anno si svolgerà sotto la direzione artistica di Liliana Nigro, docente dell’Accademia delle Belle Arti di Catania, la supervisione di Annalisa Zappulla, mentre l’organizzazione tecnica è stata affidata a Franco Lombardo, presidente del Lions club Acitrezza Verga, e Virgilio Piccari, direttore dell’Accademia di belle arti,  e alla testata «Sicilia e Donna», con il patrocinio dell’Assostampa di Catania, il sindacato unitario dei giornalisti italiani. 

Obiettivo della manifestazione di solidarietà aiutare la coraggiosa ragazza, che nonostante la tragedia subita vive con grande dignità e forza di volontà la sua nuova condizione, ad affrontare nuovi e costosi accertamenti clinici per tentare di risolvere, o almeno migliorare, i problemi legati alla grave invalidità sopravvenuta.

La serata sarà cornice di una serata all’insegno dello svago e del divertimento, un inno alla vita. Sarà uno spettacolo in cui moda, musica, pittura e intrattenimento si alterneranno, sotto gli occhi della festeggiata Laura, in modo da farle sentire l’amore e il sostegno della sua Catania. 

Redazione