Morosità incolpevole. Contributo a chi non può pagare l’affitto

sicet

sicet

«Anche i catanesi – commenta Carlo D’Alessandro, segretario generale del Sicet Catania – potranno finalmente usufruire di una legge attesa da tantissimo tempo e su cui i sindacati dell’inquilinato si sono scommessi».

Finalmente anche la città e la provincia di Catania possono usufruire della legge sulla cosiddetta “morosità incolpevole”. È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di lunedì 14 luglio 2014 il decreto del ministero delle Infrastrutture e trasporti con il titolo “Attuazione dell’articolo 6, comma 5, del decreto-legge 31 agosto 2013, n. 102, convertito, con modificazioni dalla legge 28 ottobre 2013, n. 124”. È stato un parto lungo e difficile, oltre 9 mesi dalla norma istitutiva, appunto il D.L. 31 Agosto 2013 n. 102.

 Per la prima volta si riconosce e si definisce la morosità incolpevole di chi vive in affitto ed è impossibilitato a far fronte al canone di locazione per cause non dipendenti dalla sua volontà: perdita lavoro, problemi economici e malattia. Tale provvedimento ripartisce alle Regioni risorse per 20 milioni di euro che potranno essere aumentate dalle stesse. Si tratta di una parte dello stanziamento per la morosità incolpevole relativo all’anno in corso.

 «Come tutti i comuni del Paese – aggiunge – Catania potrà disporre di una somma per far fronte a tale problema di chi non può pagare l’affitto della casa per le cause indicate. Per questo è necessario che al più presto i comuni inviino alla Prefettura gli elenchi dei soggetti che hanno i requisiti per accedere a tale contributo, affinché vengano adottate misure e interventi della forza pubblica nella graduazione degli sfratti. Il Sicet è già pronto a dare informazioni cosicché da cominciare immediatamente a presentare le domande».

Redazione