Lavoratori Oda. I punti dell’incontro

oda

oda

I lavoratori dell’Oda, la fondazione legata alla Curia catanese, scioperavano da giorni a causa di stipendi non percepiti da mesi. Nella giornata di domenica scorsa hanno anche occupato la Cattedrale di Catania, chiedendo appunto stipendi arretrati da mesi. Animava la protesta la volontà di incontrare l’Arcivescovo Mons. Salvatore Gristina. E nel pomeriggio di ieri si è tenuto presso i locali della prefettura una riunione presieduta dal Prefetto, Maria Guia Federico, alla quale hanno preso parte il Vescovo della Diocesi di Catania, Mons. Salvatore Gristina, il Direttore Sanitario dell’Azienda Sanitaria Provinciale nella qualità di delegato del Commissario Straordinario e le rappresentanze sindacali dei lavoratori dell’O.D.A allo scopo di far il punto sulle iniziative poste in essere dagli organi di Amministrazione dell’Opera Diocesana per la soluzione della vertenza che riguarda cinquecento lavoratori del medesimo Ente.

Il Prefetto ha anticipato, che nella prossima settimana , sottoscriverà unitamente al Presidente dell’O.D.A., del Commissario straordinario dell’ A.S.P. e dei rappresentanti territoriali delle organizzazioni sindacali un apposito protocollo d’intesa che prevede il pagamento, nell’immediato, di una ulteriore mensilità a favore dei lavoratori e, con regime ordinario delle altre retribuzioni a partire da agosto, con recupero entro il 30 giugno 2015 delle due restanti mensilità relative a periodi pregressi.

L’impegno è strettamente legato al trasferimento all’Ente da parte dell’Azienda Sanitaria Provinciale delle somme dovute in forza delle convenzioni in essere entro i termini (30 e 90 giorni) previsti rispettivamente per i saldi e le anticipazioni delle fatture emesse.

Il Prefetto ed il Vescovo hanno manifestato, in conclusione, viva soddisfazione per l’importante risultato raggiunto che rappresenta un segnale di concreta speranza per i lavoratori interessati, attuando un modello di sinergica collaborazione interistituzionale quale efficace risposta alla delicata problematica che investe un considerevole numero di lavoratori unitamente ai loro nuclei familiari.

Redazione