IL CATANIA PAREGGIA A REGGIO, AL GRANILLO E’ 1-1

legapro

legapro

I rossazzurri frenano ancora in trasferta pareggiando con la Reggina per 1-1. La squadra guidata dal tecnico Pino Rigoli ha disputato una gara altalenante dimostrando carattere e qualità di gioco nel primo tempo, e un po’ troppa disattenzione nella seconda parte della gara, costata appunto il pareggio.

Il tecnico rossazzurro si affida ad un 4-3-3 scegliendo Piscitella per il titolarissimo Calil, il coach amaranto risponde con un modulo a specchio scommettendo sul gioco aereo e sulle sponde delle proprie punte.

Il Catania è autore di un ottimo primo tempo, Biagianti e compagni salgono in cattedra impostando spesso il gioco e le punte rossazzurre sono spesso pericolose. Al 27esimo minuto, infatti,  Piscitella imbeccato da Russotto anticipa il difensore amaranto ed appoggia il pallone in rete. La Reggina sembra incassare i colpi dei giocatori etnei andando negli spogliatoi in svantaggio di una rete.

Nella seconda parte della gara il Catania sembra illudere i propri tifosi, Russotto dal limite dell’aria avversaria lascia partire un destro a giro colpendo in pieno il palo, ma è proprio in quest’azione che cambiano le sorti della gara.

Gli amaranto reagiscono e prendono coraggio avvicinandosi più volte al pareggio prima con Kosnic che di testa sfiora la rete e pochi minuti dopo con Coralli che cicca il pallone del possibile 1-1.

Sul finale la Reggina trova il pareggio con Bangu che in area di rigore anticipa il difensore etneo e conclude in rete.

Il Catania porta a casa un altro punto, ma con maggiore accortezza e attenzione gli uomini di Pino Rigoli avrebbero potuto espugnare il Granillo. Servirà molta attenzione per scalare la classifica che ancora vede i rossazzurri impelagati in ultima posizione, complice la penalizzazione, a quota -1.

Adriano Nicosia