IL CATANIA FRENA AD ANDRIA, PAREGGIO A RETI INVIOLATE

andria

andria

I rossazzurri allenati da Pino Rigoli hanno ottenuto un solo punto pareggiando per 0-0 contro la Fidelis Andria.

Partita ostica ed impegnativa per i giocatori etnei che hanno trovato un avversario duro da domare su un campo difficile soprattutto dal punto di vista ambientale.

I pugliesi hanno per larghi tratti della prima frazione di gioco sferrato colpi alla difesa catanese attraverso incursioni, lanci lunghi e superiorità numerica sulle fasce. Il reparto arretrato ha infatti subito gli attacchi avversari e si è dimostrato poco attento nelle marcature.

Nel secondo tempo i rossazzurri hanno preso coraggio, capitan Biagianti e Scoppa hanno provato a far salire la squadra impostando la manovra offensiva. Negato un rigore netto a Paolucci atterrato in area di rigore, da rivedere anche la prova del direttore di gara che non ha saputo gestire al meglio una partita nervosa, non è mancata infatti qualche zuffa in campo.

Sul finale le due squadre provano a pungersi, Biagianti colpisce un palo e sulla stessa ripartenza la Fidelis Andria conclude l’azione offensiva colpendo anch’essa un palo.

Un pareggio che frena i rossazzurri, ma li fortifica dal punto di vista caratteriale dando morale ad un gruppo il cui unico scopo è quello di scalare la classifica ed uscire dall’inferno della Lega pro.