Giornata della memoria, anche le donne devono essere ricordate

Giornata-della-Memoria-3

 

“Senza capelli e senza nome, senza più forza di ricordare. Vuoti gli occhi e freddo il grembo come una rana d’inverno. Meditate che questo è stato”. Dall’opera di Primo Levi  “Se questo è un uomo”, riflessione e ricordo sono le due parole chiave che accompagnano la giornata della memoria,  per non dimenticare il giorno in cui, nel 1945, le Forze Alleate liberarono Auschwitz dai tedeschi. Lo scopo della giornata è quello di ricordare lo sterminio del popolo ebraico. Manifestazione a livello mondiale e anche la città di Catania con l’iniziativa “Per non dimenticare Ravensbruck”, il lager per le donne “non conformi”, organizzata dalla Cgil, Udu e Anpi Catania, partecipa al ricordo. In particolare l’iniziativa vuole riflettere sul ruolo delle donne emarginate, violentate e uccise e che ancora oggi sono vittime di queste sofferenze. Al nostro microfono Pina Palella, segretaria confederale Cgil.

Federica Di Maria Renda

27-01-2016