Giornalismo. Un contest dedicato a Enrico Escher

futuro_presente

 

futuropresente

Il Comune di Catania assieme alla web tv e “Radio Zammù” la radio dell’Università di Catania lanciano “Futuro presente” premio di giornalismo Enrico Escher, per ricordare una delle figure di rilievo nel panorama accademico e giornalistico della città etnea.

Il tempo che scorre, il mondo che cambia, e l’inarrestabile rivoluzione tecnologica. In tutto questo il giornalismo non può restare sordo ai nuovi scenari che la società propone, in maniera sempre più veloce e quasi inafferrabile. In questo stato di liquidità permanente il futuro appare già presente.
Ed è proprio #Futuropresente il titolo del contest dedicato al Prof. Enrico Escher, docente di “Televisione, giornalismo, e new media” presentato stamane nella Sala Giunta di Palazzo degli Elefanti. Presenti alla conferenza stampa, oltre il Sindaco Enzo Bianco, l’Assessore alla Cultura Orazio Licandro, la moglie Flaminia Belfiore, il fratello e la madre di Enrico Escher, il Prof. Luciano Granozzi, e il Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Catania Giacomo Pignataro.

I nuovi media, o meglio dire media digitali, oggi appaiono qualcosa di scontato, senza i quali molte attività non potrebbe essere svolte, ma già nei primi anni del 2000 avevano suscitato l’interesse di Escher, dalle tematiche relative al web e al giornalismo, ai blog, ai nuovi modi e strumenti di informazione, come ricordato dal Sindaco e dalla moglie. E proprio la sua propensione ad esplorare i cambiamenti del mestiere giornalistico, con un occhio particolare sempre verso i giovani, ha spinto i promotori del premio a puntare soprattutto su un’iniziativa che sia una “vetrina creativa” per tutti coloro i quali abbiano voglia di raccontare l’innovazione nella città di Catania attraverso vecchi e nuovi strumenti dell’informazione e della comunicazione.

Dal mese di settembre verrà messo online il sito web www.premioescher.it che riprenderà tutti i contenuti diffusi con l’hahstag #futuropresente sui vari social network. E anche il Comune di Catania, come ricordato dal primo cittadino, inserirà sul proprio sito il banner dell’iniziativa e il relativo collegamento web.

Il premio Enrico Escher consiste in uno stage di formazione al giornalismo multimediale della durata di tre mesi, non un classico premio in denaro quindi, retribuito con un rimborso spese di 500 euro mensili all’interno della redazione di Zammù Tv. I premi saranno attribuiti- da una giuria di esperti e di professionisti dell’informazione designata dal Sindaco e dal Rettore dell’Università degli Studi di Catania- ai più originali dei contenuti pervenuti da giovani under 35, che verranno pubblicati sul sito sopracitato dall’1 settembre al 15 ottobre 2014.

Un’occasione imperdibile per giovani talenti che si accingono alla professione giornalistica con passione e voglia di raccontare e documentare la propria città, il suo presente e il suo futuro.

Commenta così, infatti, l’Assessore Orazio Licandro: “Nel segno di un figlio della nostra città Enrico Escher. Un giornalista molto apprezzato ma anche un formatore di una nuova leva di giornalisti attraverso il ricorso alle nuove tecnologie. quando alcuni li utilizzavano solo per i videogames. Lui pensava e sperimentava l’applicazione di queste tecnologie nel mondo dell’informazione. A Catania è stato assolutamente un precursore dei nuovi media.  Il premio si rivolge a giovani che devono raccontare come con gli strumenti propri, anche quelli tradizionali, ciò che in questa città è già innovazione. Del resto Escher era attratto dall’innovazione, dalla modernità, da tutto ciò che consentiva il progresso di una comunità, e lo spirito di questo contest è proprio questo”.

Alessia Zuppelli