Il Codacons sui dati Istat: “Italia spezzata in due, al Sud la metà dei cittadini vive in condizioni di povertà”

Codacons

I dati sul Pil procapite diffusi ieri dall’Istat confermano come l’Italia sia letteralmente spezzata in due sul piano economico, con il Mezzogiorno che registra dati dimezzati rispetto al centro-nord”.

Ad affermarlo è Francesco Tanasi, segretario nazionale del Codacons, commentando l’indagine dell’istituto di statistica.

La fotografia scattata dall’Istat -sottolinea Tanasi- attesta la pericolosa crescita delle disparità tra nord e sud Italia, e non c’è da meravigliarsi se si pensa che quasi la metà dei cittadini che versano in condizioni di povertà assoluta risiede nel Mezzogiorno. Qui 2,3 milioni di individui, di cui oltre 1 milione costituito da minori, sono a tutti gli effetti poveri, e una famiglia su 4 vive in condizioni di gravissimo disagio economico. Per anni le regioni del sud sono state abbandonate al loro destino, è questo è il risultato del totale disinteresse della classe politica e delle istituzioni, disinteresse che crea disparità tra cittadini inaccettabili e vergognose per un paese civile”.