“Città insieme” ricorda Giovanni Falcone a Catania

Falcone_borsellino

Falcone_borsellinoEra il 1992 quando il giudice Giovanni Falcone, la moglie, e la sua scorta morirono nel tragico attentato mafioso nei pressi dello svincolo di Capaci, a pochi chilometri da Palermo.

Passano gli anni ma non sfuma il ricordo. A Catania il 23 Maggio, in occasione dell’anniversario della strage di Capaci, l’associazione Città Insieme, ha organizzato, come ogni anno, un incontro commemorativo davanti la scalinata del Palazzo di Giustizia in Piazza Verga. Una giornata simbolica per mantenere viva la memoria di chi ha pagato con la propria vita per cambiare e migliorare la nostra società. L’associazione impegnata nella sensibilizzazione dell’opinione pubblica su temi di interesse sociale e civile invita la cittadinanza, soprattutto i ragazzi, a testimoniare con striscioni o lavori compiuti sul tema della legalità, per non dimenticare non solo Giovanni Falcone, ma anche Paolo Borsellino, e tutte le vittime di mafia.  Saranno presenti anche banchetti informativi e numerose associazioni antimafia operanti nel catanese impegnate a tutela della legalità, a testimonianza che la lotta di questi grandi uomini ancora continua.
Per dirla con le parole dello stesso Falcone: “Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe degli altri uomini“.
Mirko Viola, uno dei responsabili dell’iniziativa ci ricorda come da quel tragico evento l’associazione ha sempre organizzato questa giornata per ricordare e rendere onore agli eroi che hanno combattuto con tutti i mezzi e con tutte le forze la piaga della mafia. Lo scopo è soprattutto quello di “trasmettere alle giovani generazioni quei momenti tragici che si possono andare perdendo con il passare del tempo”. E questi tragici eventi, ricorda ancora Viola, che “hanno sconvolto e purtroppo cambiato il modo di vedere la nostra terra” devono essere sempre vivi nella nostra memoria attraverso, appunto, giornate di commemorazione come quella organizzata dall’associazione Città Insieme.

La manifestazione sarà preceduta da una marcia antimafia, che partirà alle 19 da Piazza Roma, organizzata dagli Scout catanesi dell’AGESCI e un breve momento accappella con dei cori polifonici. L’auspicio, nelle parole di Mirko Viola, è che “possa essere un momento toccante, con l’augurio di non tornare mai più indietro” a quei tristi e bui eventi che hanno marchiato per sempre la nostra storia.

Alessia Zuppelli

foto “Wikimafia.it”