Amt: sit in 21 Aprile per ottenere risposte

amt

 

“Quella dell’AMT è una situazione abbastanza grave di difficoltà economica dovuta alla mancata erogazione di fondi da parte della Regione e del Comune di Catania inerente a tutto l’anno 2015″. Sono le parole di Giuseppe Cottone, segretario confederale CONFSAL a proposito dell’Azienda Metropolitana Trasporti di Catania. Mezzi obsoleti, chilometraggio impreciso e turni di lavoro al limite della flessibiltà sono le ragioni che hanno indotto i dipendenti a indire una giornata di sciopero in data 21 aprile davanti la rimessa di via Plebiscito a partire dalle ore 10.00. Ottocento le unità impiegate presso l’azienda tra personale viaggiante, officine e amministrazione: tutti incroceranno le braccia per ottenere risposte da Regione, Comune ma prima di tutto da AMT che, secondo quanto previsto, dovrebbe mettere in circolazione circa 135 autobus , attualmente ne viaggiano in media 90 al giorno. A pagarne le spese, oltre ai lavoratori, sui quali gravano mesi di pesanti sacrifici, i cittadini che non possono contare su un servizio di trasporto pubblico efficiente ed efficace.

 

14.Aprile.2016

Enrica Sinesio