A Paternò prepensionamento per 24 dipendenti

palazzo comunale

L’Amministrazione comunale di Paternò ha approvato la delibera di Giunta municipale con cui ha disposto i prepensionamenti del personale in soprannumero del Comune.

La delibera riguarda quei dipendenti che risultano essere in possesso dei requisiti anagrafici e contributivi previsti dalla legge.

Per la precisione, dovrebbero andare in prepensione 24 dipendenti, di cui 3 in regime di salvaguardia, per un risparmio di spesa complessivo di circa 643.000,00 euro annui, con decorrenza dal mese di giugno 2016. L’elenco definitivo dei nominativi dei destinatari del provvedimento è stato inviato al dipartimento della Funzione Pubblica e all’Inps, da cui si attende la risposta definitiva.

“Si tratta di una misura necessaria e obbligata dell’Amministrazione, per garantire la sopravvivenza stessa del Comune e per la realizzazione dei bisogni primari dell’Ente” – ha spiegato l’assessore al Personale, Alfredo Minutolo.

Soddisfatto per l’approvazione della delibera anche il sindaco, Mauro Mangano: “Con questa delibera intendiamo raggiungere diversi obiettivi: per i lavoratori che non erano riusciti ad andare in pensione a causa della legge Fornero, ridiamo loro la possibilità di essere messi in quiescenza, rispettando le aspettative che già avevano maturato. Per il Comune otteniamo da subito un risparmio consistente, che è utilissimo in un momento in cui il rischio di non riuscire a chiudere il bilancio è sempre dietro l’angolo, e con questo risparmio possiamo continuare ad assicurare i servizi ai cittadini”.

30 dicembre 2015